Il 26 luglio MappaMi la prima Suono Guida del Biellese

Come continuare un percorso iniziato in seguito ai workshop di Identità Sonore del 2018, per Wool Experience? Be’ con un’inaugurazione!

A Miagliano la prima mappa sonora del Biellese sarà ascoltabile lungo le vie del paese.

L’evento inaugurale si svolgerà la prossima Domenica 26 Luglio, nel pomeriggio. In seguito alle disposizioni ministeriali le visite guidate saranno a numero chiuso e su prenotazione. Se avrai il piacere di partecipare ahi tempo fino a domenica mattina per contattare il Lanificio di Miagliano.

Comunicato stampa: Qualcosa di nuovo sta per approdare a Miagliano. Infatti domenica 26 luglio il Comune di Miagliano, in collaborazione con l’Associazione Amici della Lana, darà il via alle “passeggiate sonore”, un progetto di Ted Martin Consoli e sostenuto dallo stesso Comune di Miagliano. Questo progetto rappresenta un tassello fondamentale del più ampio progetto “La Valle dell’Acqua: Storie di Lavoro, di Pietra e di Lana”, che è stato finanziato grazie ai bandi PSR 2014 – 2020 promossi dal GAL – Montagne Biellesi, di cui Miagliano si è aggiudicato il primo posto a livello territoriale, e poi inserito nel programma culturale Wool Experience che gode del sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, nonché della Rete Museale Biellese.

Domenica prossima sarà l’occasione per andare alla ricerca delle cosiddette “identità sonore”, come le definisce lo stesso Ted Martin Consoli, ossia sarà possibile scoprire e riscoprire “i suoni” che hanno caratterizzato Miagliano ai tempi del Cotonificio Poma. Infatti le passeggiate sonore prevedono un percorso a tappe tra i luoghi simbolo del Villaggio Operaio, oggi valorizzati grazie a 20 nuovi pannelli interattivi che raccontano la storia industriale e sociale di uno dei centri più attivi del panorama industriale biellese. “Abbiamo realizzato una ricerca storico-archivistica – commenta il Vice Sindaco Mauro Vinetti, che ha coordinato il progetto La Valle dell’Acqua – grazie al lavoro dello storico Danilo Craveia, del Centro Rete Biellese Archivi Tessili e Moda, che è culminata con la realizzazione di pannelli interattivi, che non solo raccontano la storia degli edifici del Villaggio Operaio, valorizzandoli e conferendo loro una nuova identità, ma grazie alla tecnologia QRCODE sarà possibile con uno semplice smartphone, ascoltare i suoni che hanno caratterizzato il Villaggio e la società miaglianese ai tempi dei Poma. Inoltre un altro QRCODE permetterà di ottenere approfondimenti, potendo navigare e consultare il materiale archivistico dedicato a Miagliano depositato sul sito internet del Centro Rete Biellese Archivi Tessili e Moda. Sarà un’inedita occasione per immergersi in un passato che oggi rivive grazie proprio al lavoro di Ted Consoli e Danilo Craveia, che ci accompagneranno domenica prossima in un tour unico.”.

“La promozione del territorio passa inevitabilmente attraverso azioni concrete. Abbiamo trasformato Miagliano in un museo a cielo aperto grazie a questi nuovi pannelli informativi e alla tecnologia della realtà aumentata, ossia una realtà oltre alla realtà; tutto ciò è stato possibile grazie al GAL Montagne Biellesi, che da sempre sostiene il biellese con bandi mirati allo sviluppo territoriale. Il bando di cui siamo risultati beneficiari ha visto un grande lavoro del mio team di consiglieri, che si occupano del settore culturale, ossia Davide Varesano, Alessandro Boggio Merlo ed Oliviero Girardi, coordinati dal Vice Sindaco Mauro Vinetti, grazie alle capacità dei quali è possibile tracciare un nuovo percorso, che non solo valorizzi Miagliano, ma che porti la Valle del Cervo ad occupare il posto che le spetta nel panorama biellese. Abbiamo storia e bellezze uniche, dobbiamo quindi operare congiuntamente a livello intercomunale, solo così la Valle del Cervo potrà essere concretamente attrattiva”.

L’appuntamento è quindi per domenica 26 luglio alle ore 15:00 – ritrovo presso il Lanificio f.lli Botto via Veneto 2 – Miagliano.

Previa prenotazione al num. 320.098.2237

I giornali:

News Biella


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *