Wool Experience 2020

L’attività di riavvio della stagione della Rete al Lanificio coincide con il ricco  programma culturale Wool Experience, dell’Associazione Amici della Lana che giunge al suo settimo anno di programmazione, grazie alla direzione di Manuela Tamietti , la disponibilità di Nigel Thompson e il Comune di Miagliano. Numerose le attività nel rispetto della missione  principale dell’associazione che vuole  la diffusione della cultura della lana ma anche l’utilizzo e la rivalutazione della fabbrica, del suo villaggio operaio, del paese e del territorio. L’apporto del contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Biella è sempre fondamentale, per la realizzazione del programma, così anche quello dei vari partner a supporto delle attività.

Gli eventi proposti spazieranno dalle visite guidate alle esposizioni, dai laboratori alla presentazione di libri con la formula super collaudata delle passeggiate con l’autore, ma non mancheranno spettacoli e animazioni culturali. L’attività proseguirà fino all’11 ottobre ma in questa prima parte, che arriva fino a metà agosto, si è voluto privilegiare lo spazio esterno e l’attività di movimento, proprio per favorire il distanziamento sociale e la vita all’aria aperta. Il tutto si svilupperà soprattutto lungo la roggia,  nel villaggio operaio ma anche nel nuovo anfiteatro realizzato dal Comune con il supporto del Gal Montagne Biellesi.

Si riapre in sicurezza e nel rispetto delle normative vigenti: lo spazio espositivo e le attività all’aperto sono state adeguate alle esigenze del momento che richiede cautela e consapevolezza. Si consiglia di seguire la cartellonistica e le indicazioni degli operatori.

Gli eventi proposti spazieranno dalle visite guidate alle esposizioni, dai laboratori alla presentazione di libri con la formula super collaudata delle passeggiate con l’autore, ma non mancheranno spettacoli e animazioni culturali. L’attività proseguirà fino all’11 ottobre ma in questa prima parte, che arriva fino a metà agosto, si è voluto privilegiare lo spazio esterno e l’attività di movimento, proprio per favorire il distanziamento sociale e la vita all’aria aperta. Il tutto si svilupperà soprattutto lungo la roggia,  nel villaggio operaio ma anche nel nuovo anfiteatro realizzato dal Comune con il supporto del Gal Montagne Biellesi.

Il punto di ritrovo sarà sempre il Lanificio Botto, negli orari indicati, è consigliabile, dato il periodo, la prenotazione anche tramite whatsapp, 3200982237.

Il 28 giugno alle 14,30 si effettuerà la passeggiata in mezzo al verde sul sentiero che costeggia il Torrente Cervo e che porta alla Centrale Idroelettrica, la più piccola delle due centrali di Miagliano, quella collocata lungo al roggia. Il tratto della passeggiata è diventato parte del progetto di Salute in cammino il cui referente per l’Asl di Biella è il dott. Giuseppe Graziola; il progetto, partito da 5 comuni si è esteso in breve tempo a 30 comuni e con l’occasione del 28 giugno  Franco Grosso, uno degli ideatori, racconterà il cartello posto all’ingresso del percorso con il relativo sistema di misurazione del passo e le giuste modalità per svolgere attività fisica, mantenendosi in salute, camminando mezz’ora la giorno.

Altre passeggiate avverranno nei mesi di luglio e agosto, sui “sentieri delle sirene”, quei sentieri che scandivano i percorsi degli operai che dai paesi della valle si muovevano verso la fabbrica catturati dal suono amichevole ma rigoroso delle sirene, oppure la  passeggiata sulle tracce del trenino che a Miagliano …all’incontrario va. Un altro importante canale sarà quello uditivo con l’inaugurazione, a fine del mese, della cartellonistica dedicata  alle sonorità del paese del progetto MappaMi ideato da Ted Martin Consoli che ci guiderà a scoprire i nuovi cartelli e i qrcode abbinati ai suoni del territorio miaglianese.

Un momento importante sarà rappresentato dalle passeggiate con l’autore. Il primo appuntamento il 2 agosto sarà con Luca Pasquidibisceglie che presenterà “Brucia la notte” con le letture di Manuela Tamietti e  Francesco Logoteta.

A metà agosto invece ospite d’eccezione la romana Linda Tugnoli, la cui famiglia era originaria di Quittengo, apprezzata regista che abbiamo avuto modo di conoscere con il documentario Rai di  Geo&Geo  dedicato alla Valle Cervo e che si presenterà con il suo giallo d’esordio: “Le colpe degli altri”, in cui vari personaggi della Valle, alcuni realmente esistiti,  verranno presentati attraverso questa sua avventura.  

Importante debutto di danza e teatro avverrà il 18 luglio, alle 21 con lo spettacolo dell’associazione Mambo Forrò: “La via della seta”, una rivisitazione in chiave moderna dell’avventura di Marco Polo. Un’occasione per scoprire l’anfiteatro P408 e la roggia illuminati!

Non mancheranno i laboratori tematici: sulla lana, sulla lettura e sul teatro di figura e avverranno due inaugurazioni nel mese di agosto, quella dedicata alla mostra Fuori dal gregge, rivisitata dopo l’esperienza di questi anni,  e quella dedicata alla lavorazione della lana e denominata “Pettinatura Lana”.

Nei mesi a venire riprenderanno le attività di laboratorio di Fabio Banfo, altre passeggiate condite con libri o guide e saranno presentati altri spettacoli, tra cui anche quello di Storie di Piazza dedicato al Mercato del Rinascimento, grazie alla vicinanza di Andorno Cacciorna, importante centro commerciale dell’epoca.

Insomma, la storia e le storie a Miagliano continuano!

Informazioni amicidellalana@gmail.com

Rassegna stampa:

Newsbiella

La Stampa

la Centrale lungo la roggia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *