Amici della lana

lana, fabbrica, paese, territorio

Fuori dal gregge

Fuori dal gregge è una mostra che parla di un gregge impossibile, composto da pecore così tanto lontane tra loro da non poter esistere in realtà. Il nostro gregge racchiude la selezione di 12 razze ovine appartenenti a territori, altitudini, ambienti, climi diversi. Ciascuna pecora ha una storia diversa e una differente strada da percorrere.

La pecora (Ovis aries), ormai diffusa in tutti i continenti, è un animale di antichissima addomesticazione, che è stato selezionato dall’uomo nel corso dei secoli in una pletora di razze molto distanti tra loro. Ciò ha permesso un miglior adattamento ad ambienti molto diversi e ha favorito una elevata biodiversità che ci mette a disposizione lane differenti.. La principale caratteristica che accomuna tutti i tipi di lana è quella di essere una risorsa naturale, ecologica, rinnovabile e sostenibile, tradizionale e modernissima. La varietà è la sua più grande qualità.

Fuori dal gregge è un percorso che vuole mettere in evidenza la diversità delle pecore e delle lane presenti nel nostro continente. Le razze di pecore nel mondo sono migliaia con storie, caratteristiche, luoghi di origine e lana propri. Alcune lane servono per fare caldi maglioni, altre sono utili per trapunte e imbottiture, altre ancora più adatte a tappeti e moquettes ed è per questo che abbiamo scelto di individuare 4 categorie di prodotti.

 

 

Nel 2016 si è aggiunta una tredicesima pecora, quella scientifica grazie al contributo del Dott. Matteo Negro e dell’associazione Gaia, con elementi “alieni” sul suo vello, ovvero con la presentazione e la storia di semi e animali, ospiti inattesi introdotti nel nostro ecosistema attraverso il commercio laniero.

In Fuori dal gregge incontrerete un gregge che nonpotrebbe mai convivere altrove, se non qui, in questa mostra.

 

La mostra è parte del percorso visitabile grazie alla Rete Museale Biellese di cui il Lanificio Botto e il villaggio operaio sono parte dal 2016.

L’esposizione è visitabile nella nuova area denominata STAMPERIA al Lanificio Botto di Miagliano, in V.Vittorio Veneto 2.