Amici della lana

lana, fabbrica, paese, territorio

6 luglio 2018
di Amici della Lana
0 commenti

Metodo Feldenkrais 14-15 luglio

14 luglio orario 10:00- 12:30 e 14:00-15:30

15 luglio orario 10:00 – 12:30

Lanificio Botto-Miagliano (BI)

Che cos’è il metodo Feldenkrais?

E’ un metodo di auto-educazione attraverso il movimento, si basa essenzialmente sul prendere consapevolezza dei propri movimenti e dei propri schemi motori e quindi, attraverso il movimento, di espandere la consapevolezza di sé nell’ambiente. È composto da sequenze di semplici movimenti che coinvolgono ogni parte del corpo, dall’ascolto profondo delle sensazioni che essi suscitano, dallo sviluppo di nuovi modi di muoversi, atteggiarsi e percepirsi.

Silvia Conte nel 2001 si iscrive al corso di formazione per insegnanti MI4 con la direzione didattica di Elizabeth Beringer e Mara Della Pergola.

Di questo metodo Silvia dice:

Il metodo Feldenkrais mi affascina perchè, anche dopo anni, riesce sempre a sorprendermi!
Per anni frequento corsi e laboratori di teatro, prediligendo il lavoro corporeo.

In uno di questi, condotto da Sabrina Marsili, vengono proposte delle sequenze di movimenti presi dal Metodo Feldenkrais®.

Incuriosita e affascinata da questo innovativo approccio al movimento, mi iscrivo al corso per diventare insegnante e mi diplomo nel 2005. Da allora insegno sia lezioni di gruppo che individuali in varie strutture, organizzo corsi ed eventi con professionisti anche di altre discipline e propongo seminari a tema.

Ho collaborato con varie associazioni locali tra cui: Università della terza età di Ivrea, unione ciechi, studio Logopedia, associazione Nordic Walking di Andrate.

Continuo ad aggiornarmi partecipando ad incontri studio e post formazione.

Sono iscritta all’Associazione Italiana Insegnanti Metodo Feldenkrais (AIIMF) e socia-fondatrice dell’associazione culturale ‘spazio UP!’.

Quota laboratorio

95 euro compreso pernottamento e colazione. Per chi non necessita di alloggio il costo è di 75 euro.

Per tutti i seminari occorre tessera associativa di 15 euro, a parte.

Prenotazioni info@storiedipiazza.it, whatsapp 3200982237

Scarica il Comunicato stampa Wool Experience 2018 del 14-15 luglio

29 giugno 2018
di Amici della Lana
1 commento

Vuoti a perdere DAY- 15 luglio

Scarica il Comunicato stampa Wool Experience 2018 del 14-15 luglio

Dal 2013 Riccardo Poma, fotografo e filmaker e gestisce con grande successo un blog dal titolo Vuoti a perdere, un viaggio fotografico e narrativo attraverso i luoghi abbandonati del nostro paese. https://vuotiaperdereblog.com

Due anni dopo il fortunato Workshop “Vuoti a Perdere” ideato con Amici della lana e realizzato al Lanificio Botto nella zona di archeologia industriale e che ha portato alla mostra fotografica “La luce dei vuoiti”, Riccardo Poma torna a guidarci all’interno fabbrica – questa volta inedita – di Miagliano. Un’occasione per fotografare luoghi particolari e da tempo nascosti, ma anche per scoprire come si struttura la fotografia dell’abbandono ascoltando i consigli di un esperto del settore.

La mostra La luce dei vuoti, che aveva coinvolto ben 17 fotografi del Piemonte guidati da Poma, è visitabile tutte le domeniche all’interno della Rete Museale Biellese.

Il nuovo workshop, per ora non è finalizzato alla realizzazione di un’altra mostra fotografica, ma raccoglie nuove ispirazioni e idee. Il workshop prenderà il via il 15 luglio dalle 10 alle 14 e prevede una quota di partecipazione di 30 euro.

Nel pomeriggio dalle 14,30 alle 17,30 sarà possibile visitare il Lanificio Botto e il villaggio operaio con le nostre guide della Rete.

Nel pomeriggio alle 18, verrà presentato in via sperimentale il nuovo libro di Riccardo Poma: “Vuoti a perdere, geometrie dell’abbandono” con i suoni dei Levre de Cuppi e le letture di Manuela Tamietti

E’ possibile pranzare e soggiornare in luoghi convenzionati.

Informazioni amicidellalana@gmail.com- 3200982237-3398532192

RICCARDO POMA

nato il 19/11/1988 a Biella.
Diploma di Liceo Artistico nel 2006
Laurea in DAMS (Discipline arte musica e spettacolo) presso l’Università degli Studi di Torino nel 2012
dal 2011 docente/formatore di cinema presso scuole ed enti pubblici e privati
dal 2012 fotografo e videomaker professionista

creatore e gestore dei blog:
– nehovistecose.com – un blog di recensioni cinematografiche (dal 2010)
– vuotiaperdereblog.com – un viaggio tra i luoghi abbandonati del nostro paese (dal 2013) Vuoti a perdere è diventato una mostra presentata con successo nel 2014 (a Cossato), 2015 (a Miagliano) e 2016-2017 (di nuovo a Cossato), 2018 a Cossato con presentazione del libro.
Dal 2015 firma del giornale di cinema “Carte di cinema” diretto da Paolo Micalizzi.

10 giugno 2018
di Amici della Lana
0 commenti

Riti di luce 23-24 giugno

Il ritorno delle streghe a Miagliano

Ogni anno Miagliano si trasforma nel paese delle streghe. Quest’anno la versione aggiornata dello spettacolo proporrà un rito propiziatorio di luce e d’acqua legato al solstizio d’estate. Lo spettacolo si snoderà  lungo la roggia e non vedrà protagonista Giovanna Monduro, la nota strega miaglianese arsa nel 1471 ma  tre streghe, considerate tali dalla credenza popolare e  vissute a Miagliano all’inizio del 900.  Lo spettacolo  racconterà dell’incontro d’amore tra una rosazzese e un miaglianese nel periodo d’oro del Cotonificio, complici le masche,  le fate, i fuochi fatui, l’Om salvei e gli incantesimi.

Anche a Biella possiamo trovare un po’ di mare e rivivere l’effetto magico delle sere d’estate con la festa dei lumi e le  lanterne cullate dall’acqua. L’effetto sarà quello di passeggiare con la luce sul canale, con i romantici lumini dei desideri!

Partenze dalle 20.30 ogni mezz’ora (circa) 21, 21,30, 22

Prenotazioni amicidellalana@gmail.com

Whatzapp 3200982237

Ingresso 10 €, ridotto 8 € per  tesserati e ragazzi 10-18 anni,  bambini al di sotto dei 10 anni gratuito.

Scarica il Comunicato stampa Riti di luce 23-24 giugno

Articolo News Biella

 

21 maggio 2018
di Amici della Lana
0 commenti

BJC in concerto il 17 giugno

Dalle 14,30 alle 18,30  visite guidate

dalle 16: Jazz-Jubox, un’originale passeggiata lungo la roggia, alla scoperta dei musicisti della BJC

h. 18 BJC Big Band Jazz Company

SWING AL LANIFICIO

Il concerto della BJC Big Band Jazz Company ci farà viaggiare nel passato, nello swing festoso ed eccitante degli anni venti;  ascolteremo brani delle grandi Orchestre che hanno segnato un’epoca: Count Basie e  Duke Ellington e le grandi cantanti come Ella Fitzgerald, Sarah Vaughan e Natalie Cole, strizzando un occhio anche a brani più contemporanei, per cavalcare  un Jazz godibilissimo.

Informazioni e prenotazioni amicidellalana@gmail.com

Whatzapp 3200982237

Comunicato stampa Jazz del 17 giugno 2018

Articolo NewsBiella

9 febbraio 2018
di Amici della Lana
0 commenti

Il questionario Wool Experience

Stiamo già lavorando a Wool Experience 2018, che partirà da giugno con gli eventi dal vivo al Lanificio Botto di Miagliano e stiamo raccogliendo le idee con un questionario, che ci aiuterà a crescere e migliorare.

Ci serve la tua collaborazione!

Ci vogliono 5 minuti per compilarlo, vai al link sotto:

QUESTIONARIO WOOL EXPERIENCE

Ecco i risultati del questionario:

La maggioranza  dei nostri Amici ha un’età compresa tra i 35 e i 55 anni e  svolge una professione da  impiegato o da libero professionista.

Le passioni sono variegate e spaziano dalla musica, al teatro, alla fotografia, allo sport, alla lettura, alla lana e alla creatività.

Tra i sogni nel cassetto più originali?

. Essere un fotografo del National Geographic;

. Progettare un intervento di recupero del patrimonio industriale dismesso, approfondendo gli aspetti storici e paesaggistici;

. Poter avere una fattoria;

. Scrivere un libro per bambini;

. Aprire un negozio specializzato di lana, aprire una libreria

. Girare il mondo insegnando mentalità imprenditoriale

I principali eventi più visti nel 2017?

  1. Il teatro
  2. Il murales
  3. Le esposizioni
  4. Le visite guidate
  5. il magazzino di lana sucida e la Centrale Idroelettrica (stesso punteggio)

Tra le cose maggiormente apprezzate?

Interessanti gli eventi teatrali e molto piacevoli gli eventi musicali

Cosa ti è piaciuto di più, in questi anni?

. L’atmosfera di vitalità e voglia di fare che si respira nella struttura

. L’idea di dare un nuovo senso ad una fabbrica abbandonata

. Fabbrica di guerra

. tutte le iniziative di spettacolo dal vivo e il murales

. La serata di cabaret, quella dedicata alle streghe di Miagliano, lo spettacolo di Vermicino

Che voto daresti a Wool Experience?

  1. 4
  2. parimerito 5 e 3
  3. 2

Come hai scoperto il progetto?

  1. il 30,5% tramite amici
  2. il 15% tramite social network
  3. 11,5% passaparola
  4. 11,5% passavo di lì
  5. altro

Quali consigli ci daresti per migliorare?

  1. aumentare la comunicazione e la pubblicità
  2. gruppo di lavoro più solido
  3. arricchire gli allestimenti fissi riguardo la lana, renderli più attraenti
  4. ragionare/lavorare sul ruolo del complesso di Miagliano nel ‘sistema insediativo industriale storico dell’asta del Cervo’, da Miagliano, per Tollegno, Biella, fino a Vigliano… il torrente come matrice del sistema insediativo
  5. mettere il riscaldamento
  6. avere più iniziative sul misteri del territorio Biellese
  7. Essere più puntuali nelle informazioni
  8. più eventi formativi

Pensi che un’iniziativa come questa sia importante per il territorio?

99% si

1% no

Perché?

  • nel nostro piccolo siamo pieni di tesori inesplorati
  • Perchè affonda le radici nella nostra tradizione tessile ma amplia l’offerta con tante novità che mi sembrano molto interessanti.
  • perché non ci si può solo lamentare che non succede niente o poco
  • Per l’attrazione che attrae su realtà appartenenenti alla nostra storia e la scoperta di nuovi luoghi
  • Si dice che nel biellese per ridare lustro a questa terra, “bisogna fare”, ma c’è una sottile differenza tra “il bisogna fare” e il “FARE realmente”, e occore prima di tutto provarci.
  • per valorizzarlo ed evitare che alcune conoscenze, la storia, le tradizioni ecc vengano dimenticate, per offrire un tipo di proposta artistica di valore
  • Mi sembra lavori bene per la ricostruzione di un’identità della comunità biellese, oltre naturalmente a ridare vita e significato ad un opificio dismesso

Pensi che sia possibile creare business con la cultura?

  1. 79,2% si
  2. 8,3% no
  3. altro

Pensi che sia possibile creare business con il turismo?

92%si

8% no

Dettaglia le tue idee

  • C’è bisogno di non essere soli in questo. Occorre fare Rete e avere gente che ci creda
  • lavorare in sinergia con gli enti preposti al turismo, fornire loro delle proposte che creino attrazione, anche di immagine. Posso fare l’esempio della Scozia, dove nei B&B ci sono le brochure delle attrazioni locali, vendute come cose meravigliose…ma una volta viste non sono poi così eccezionali rispetto a quanto potrebbe offrire il nostro territorio, secondo me ricco di cultura e natura.
  • la cultura arricchisce le menti
  • Abbiamo un territorio meraviglioso poco valorizzato, difficile da raggiungere. Sarebbe bello poter coinvolgere anche gli anziani che possano raccontare le tradizioni delle ns lane. Di quando l eccellenza era prerogativa del Biellese
  • Il nostro territorio può offrire turismo culturale a piene mani: basta saperlo coniugare in modo intelligente ed avre la capacità di esportarlo e fralo conoscere.
Che cosa ti piacerebbe vedere nel programma 2018?
  1. Più musica
  2. Più Teatro
  3. Più lana
  4. Più di tutto
  5. Più workshop
  6. Più eventi a pagamento
  7. Più eventi gratuiti
Vorresti partecipare maggiormente alle iniziative?
-30% si
– 30% forse dipende
– 20% no
– 20% Vorrei collaborare se
Dettaglia
– vorrei ma non ho il tempo…
– Con proposte di uscite didattiche per gli alunni
– Manca la continuità operativa e lo spirito imprenditoriale
– …se posso essere utile in qualche cosa
Secondo te le nostre iniziative come si possono sostenere economicamente?
 1) Sponsor
 2) Fondazioni
 3) Sbigliettamento
 4) Denaro pubblico
 5) tesseramento
 6) bandi
 7) privati
 8) altro